Sembra un’opportunità molto lontana, eppure è reale: la Commissione Europea ha messo nuovamente a disposizione dei giovani laureati una serie di stage retribuiti. Si tratta di un progetto di formazione per coloro che potranno mettersi alla prova sotto diversi fronti: sicuramente potranno fare ricerca, ma anche organizzare gruppi di lavoro ed incontri formativi, redigere report e sviluppare dei progetti.

Le selezioni per gli stage retribuiti della Commissione Europea interesseranno circa 650 profili. I “prescelti” saranno impegnati dai 3 ai 5 mesi in un ambiente multiculturale e riusciranno a mettere in pratica ciò che hanno studiato ed approfondito tra i banchi universitari.

Tra i requisiti per partecipare, sono compresi:

  • Il completamento di almeno un corso di laurea triennale;
  • L’ottima conoscenza dell’inglese, del tedesco o del francese;
  • Una buona padronanza di una seconda lingua comunitaria;
  • Non aver preso parte ad altri stage in una qualsiasi delle istituzioni dell’Unione Europea.

Poco importa se la scadenza per le presentazione delle domande del ciclo invernale è scaduta a gennaio; si tratta comunque di un grande passo in avanti, verso un mondo che inizia a riconoscere l’impegno, la passione ed il sudore dei giovani tirocinanti.

E mentre aspetti che riaprano le domande per il prossimo ciclo di stage retribuiti, non restare con le mani in mano: ci sono già molte aziende sul territorio che aspettano te per iniziare una collaborazione proficua; fatti trovare, accresci la tua esperienza ed il mondo del lavoro aprirà le porte anche a te. Scopri di più su www.nettowork.it.