Lo Stato italiano cerca di dare una svolta a questa crisi da cui sembra non si riesca ad uscire; lo ha fatto con la legge di bilancio 2017, con la quale si impegna ad incentivare le aziende che assumono giovani uomini e donne in cerca di un futuro.

Per quanto riguarda i privati, possono sentirsi sollevate soprattutto le aziende che assumono con contratto indeterminato o di apprendistato dal 01/01/2017 al 31/12/2018. Se assumono giovani studenti prima impegnati in attività di alternanza scuola-lavoro, infatti, sono esonerate dal versamento di contributi. Certamente, non per sempre: il termine massimo è posto a 36 mesi, con un limite annuo di 3250 euro.

Agevolazioni per assunzioni under 30

Inoltre, è possibile godere di un ulteriore incentivo, quello previsto per l’occupazione giovani. Infatti, le aziende che assumono giovani tra i 16 ed i 29 anni, che non stanno attraversando percorsi di studio o di formazione e risultano disoccupati, possono risparmiare un massimo di 8060 euro all’anno per ogni dipendente.

E non è finita qua: sono previsti altri incentivi alle aziende; li scopriremo nei prossimi articoli. Nel frattempo, ogni azienda può trovare il giovane che sta cercando sulla base dei requisiti indicati. Le possibilità per risparmiare sui dipendenti e, allo stesso tempo, aumentare il fatturato, esistono.

È quindi possibile, con pochi clic, dirigersi verso la strada corretta. Scoprite subito www.nettowork.it, il portale dedicato ad aziende e giovani che ancora non si conoscono ma che, da oggi, possono iniziare una collaborazione fruttuosa per entrambe le parti.