Il caso voucher ha destato non poche preoccupazioni e problematiche sia tra i giovani, che hanno visto allontanarsi le possibilità di lavori a chiamata, sia tra le aziende, chiamate a riorganizzarsi sulle modalità di pagamento dei propri collaboratori.

Come ormai è risaputo, oggi i voucher non possono più essere acquistati. Ma cosa succede ai voucher già acquistati? Coloro che li hanno acquistati prima del 17 marzo 2017 potranno utilizzarli fino al 31 dicembre 2017. Dal 1 gennaio 2018 l’abolizione sarà totale.

Come sfruttare gli ultimi voucher disponibili?

Nel frattempo, le modalità di utilizzo dei voucher rimangono le stesse. Il committente, quindi, deve comunicare, via telefono o via mail, i dati anagrafici ed il codice fiscale del lavoratore almeno un’ora prima dell’inizio dell’attività lavorativa. Deve indicare, inoltre, il luogo, il giorno e l’ora di inizio del lavoro, rispettando sempre i tempi e le modalità indicate. Se non segue queste regole, può essere punito con una sanzione compresa tra i 400 e i 2400 euro per ogni lavoratore non regolarizzato.

E tu, hai mai lavorato tramite voucher? Scopri tutte le altre possibilità che si prospettano per te in ambito lavorativo. Se sei un giovane in cerca di lavoro, ma anche un’azienda in cerca in un dipendente o un collaboratore, non lasciarti sfuggire l’occasione di trovare chi meglio risponde alle tue esigenze. Vai subito su www.nettowork.it, il portale che mette in comunicazione i due lati della realtà lavorativa territoriale.